L’EnoArte bandiera dell’Italia ai Decanter Asian Wine Awards

EnoArte Hong Kong premiere

Se l’Australia domina sul fronte dei vini tour court, all’Italia resta la palma del miglior mix tra arte e vino. Questo, almeno, è ciò che sancisce il “Decanter Asian Wine Award”, tenutosi a Hong Kong nei giorni scorsi, nella settimana di feste per il nuovo anno cinese. Al concorso – il primo internazionale con sede in Asia – l’Australia ha dominato, portando a casa 6 dei 13 trofei in palio: 3 sono andati alla Francia e uno ciascuno ad Argentina, Nuova Zelanda, Spagna e Italia (che ha vinto col 2009 Marchesi Alfieri, Barbera d’Asti Superiore, Piemonte). Il Decanter Asia ha ricevuto 2249 vini, mentre il concorso ‘fratello maggiore’ – il Decanter World Wine Awards, fondato nel 2004 e il più ambito al mondo – ne ricevette più di 14mila.

A lato del concorso dei vini si è tenuta una mostra di ‘Arte e Vino’, dominata da Elisabetta Rogai, una pittrice basata a Firenze che dipinge col vino. Usa vini toscani senza additivi e fa ricorso a una formula segreta che previene la discolorazione di questo mezzo espressivo. I colori tuttavia cambiano col maturare del vino: sei mesi dopo il completamento del quadro i colori, che prima andavano dal viola al rosso ciliegia si trsformano in toni di ambra, arancione e marrone.

Ecco il link all’articolo del China Post

Lascia un Commento