Ritratto degli sposi: la EnoArte come regalo di nozze

Cari amici,
finora la mia EnoArte è stata apprezzata in mostre, performance live, esposizioni e appuntamenti enogastronomici e culturali, nonché come premio al concorso “L’Uomo DiVino” a Firenze. Adesso, in attesa di una novità che rivelerò solo last minute, l’arte di dipingere usando il vino al posto dei colori diventa anche un regalo di nozze.

La foto degli sposi - EnoArte

Merito dei genitori, indecisi su cosa regalare a una coppia di sposi. Mi hanno chiesto di fare un ritratto degli sposi, che hanno acquistato e portato in dono alle nozze. Dopo aver ricevuto le fotografie dei promessi, questo è il risultato. Che ve ne pare?

Il quadro degli sposi - EnoArte

 

Ecco come immagino i due sposi, con tanti anni di vita insieme sulle spalle, più “maturi”.

Elisabetta

EnoArte, un lungo weekend a Hong Kong a dipingere col vino

Ecco il racconto di un lungo weekend a Hong Kong a dipingere con il vino

Elisabetta Rogai a Hong Kong per EnoArte

Un lungo fine settimana a dipingere col vino: dal 5 al 9 giugno sono tornata a Hong Kong ospite del Ritz Carlton Hotel – l’albergo più alto del mondo – che ha richiesto tre mie performance live in seno alle iniziative organizzate dalla Camera di Commercio Italiana a Hong Kong e Macao, grazie al prezioso contributo della nostra agente asiatica Elisa Capponi. Il primo giorno ho tenuto una esibizione dell’EnoArte – la tecnica di dipingere usando il vino rosso al posto dei colori – davanti a una sessantina di ospiti vip: c’erano il console italiano Sarah Negro, il direttore dell’ICC, galleristi (sia italiani che cinesi), appassionati d’arte, giornalisti, esponenti di spicco della comunità italiana a Hong Kong e così via. Nell’occasione ho scelto di dipingere un paesaggio con il vino biodinamico, per la precisione ciò che vedevo dalla mia finestra al 108° piano del Ritz Carlton: sotto di me c’era la baia di Hong Kong, e ho voluto fare omaggio a quel panorama interpretandolo in chiave artistica.

Il disegno della baia di Hong Kong di Elisabetta Rogai per EnoArte

Il secondo giorno è stata la volta delle due performance live al “Tosca“, il ristorante del Ritz Carlton: grazie alle intuizioni dello chef Pino Lavarra e di Francesco Del Gaudio, sia a pranzo che a cena gli avventori del locale – famiglie dell’alta fascia di Hong Kong – hanno potuto assistere a una sessione di EnoArte@ in cui ho dipinto un uomo con un rapace e il ritratto di una ragazza locale, Cheryl.

La performance al La performance al

L’ultimo giorno è stato dedicato alla partecipazione all’Italian Market al “Cyberport”, dove abbiamo dato vita a un innovativo “Visual tasting” (qualcosa mi dice che presto sarà “preso in prestito” come tutto il resto e spacciato per novità…) in cui ho dipinto con il vino in degustazione al banco d’assaggio. Nostri partner dell’iniziativa sono state cinque aziende vinicole, innamorate dell’idea: tre toscane – Tenuta di Artimino, Tenuta di Moriano e azienda agricola Tiberio – una lombarda, la Tenuta Ambrosini della Franciacorta, e una veneta, con Silvia e Marco Sabbadin di “The Wine Selector“. Tanta curiosità, da parte di grandi e piccini, soprattutto cinesi.

L'Italian Market al Cyberport di Hong Kong, dove si è esibita Elisabetta Rogai con l'EnoArte

Il Visual Tasting di Elisabetta Rogai al Cyberport di Hong Kong

Le aziende che hanno partecipato al Visual Tasting di Elisabetta Rogai al Cyberport di Hong KongIl Visual Tasting di Elisabetta Rogai al Cyberport di Hong Kong

Elisabetta Rogai

A Vinitaly la performance live col Castello di Monsanto

foto (61)

Dipingere dal vivo usando il vino al posto dei tradizionali colori, portando l’arte nel cuore pulsante della kermesse veronese: è così che a otto anni dal primo incontro, si rinnova la partnership tra l’artista toscana Elisabetta Rogai e il Castello di Monsanto (www.castellodimonsanto.it). La pittrice – diventata famosa in tutto il mondo proprio per l’intuizione di dipingere usando il vino rosso–si esibirà in una performance live di EnoArte©, la tecnica artistica che consente ai quadri di invecchiare, cambiando letteralmente colore col passare del tempo. L’appuntamento è per domenica 6 aprile nello stand del Castello di Monsanto (padiglione 9, stand D9), a partire dalle ore 12, quando Elisabetta Rogai realizzerà in diretta un dipinto davanti a una folta platea formata da giornalisti, addetti ai lavori, buyer, produttori e “semplici” appassionati di vino.

A far gli onori di casa saranno Laura e Fabrizio Bianchi, titolari dell’azienda di Barberino Val d’Elsa: il vino che hanno scelto per la performance, in accordo con l’artista, è il prodotto di punta dell’azienda, il Chianti Classico “Il Poggio” riserva 2009. “Ho sempre ammirato molto i lavori di Elisabetta – spiega Laura Bianchi – e ad unirci sono due amori, quello per l’arte e quello del vino. Sono certa che sarà in grado di esprimere sulla tela tutte le potenzialità del nostro vino”.

astrid

Il legame tra Elisabetta Rogai e il Castello di Monsanto risale al 2003, quando l’artista venne chiamata a dipingere l’etichetta di “Astrid”, il prodotto dell’azienda barberinese diventato vino ufficiale del semestre italiano di presidenza dell’Unione Europea. Per la pittrice fiorentina, l’appuntamento col 48° Vinitaly– la quarta edizione che la vede protagonista, ormai – rappresenta l’inizio di un tour de force che la porterà in Italia e all’estero: dopo Verona, infatti, sono previste performance ed esposizioni in Franciacorta (16-18 maggio, Fiera dei Fiori), Lituania (28 maggio – 3 giugno) Hong Kong (4-9 giugno, Festival Made in Italy), Firenze (17-19 giugno, Pitti Uomo) e Assisi (luglio, evento Suono Sacro).

Il regalo ideale per il Natale 2013? I foulard “EnoArte©”, ovviamente

foulard3 foulard2
Tutto nasce da un’intuizione, quella di declinare secondo un unico fil rouge due aspetti del made in Italy: se è vero che all’estero siamo conosciuti per l’arte, il vino e il design, ecco dunque che per il Natale 2013 l’azienda toscana Ottotredici© e la pittrice Elisabetta Rogai – ideatrice dell’EnoArt©, tecnica artistica che consente di dipingere utilizzando il vino al posto dei tradizionali colori – si uniscono per dar vita a una limited edition di otto foulard di…vini. Già, perché le stampe della collezione riproducono otto tra i più apprezzati dipinti “wine-made” dell’artista italiana, oggi parte di importanti collezioni private. Gli amanti dell’affordable luxury potranno così sfoggiare al collo un autentico pezzo d’arte contemporanea, che da tre anni riempie le pagine delle più prestigiose testate internazionali d’arte e lifestyle, in un gioco di richiami ideali tra donne vere e donne dipinte.

foulard1

LA COLLEZIONE – Articolata in otto pezzi, la collezione riproduce – con l’aggiunta del logo EnoArt© – i dipinti di Elisabetta Rogai, realizzati col vino secondo una formula innovativa. A seconda del tipo di stampa scelta per il foulard, le tonalità dominanti sono quelle del vino giovane (rubino, porpora) o di quello più invecchiato (ambra, mattone, arancio). In ogni caso i soggetti dei dipinti sono giovani donne senza tempo, icone di una contemporaneità che non toglie spazio a momenti di riflessione e analisi. Nei volti e nei corpi delle protagoniste c’è tutto l’universo emozionale di Elisabetta Rogai, il suo figurativo informale capace di instaurare un legame strettissimo con chi ammira le opere d’arte.

A Firenze i foulard si trovano in esclusiva da “Teatro Abbigliamento” (via Ponte alle Mosse)

Chi fosse interessato, può contattarci a info @ elisabettarogai . it

I dipinti realizzati col vino all’Asian Contemporary Art Show di Hong Kong

Cari amici,
per quattro giorni a Hong Kong si è tenuta la mostra d’arte del circuito internazionale Art Basel, e i miei dipinti “wine-made” erano lì. La fiera è stata organizzata nel bellissimo Marriott hotel (5 stelle) nel centro di Hong Kong, accessibile a tutti e di livello ottimo come qualità sua delle gallerie partecipanti che delle varie opere. La nostra agente Elisa ci confermo che abbiamo avuto moltissimi visitatori, finendo i 400 biglietti da visita che avevamo fatto fare apposta per i miei quadri. “Tutti domandavano, sono stata li la maggior parte del tempo a dare spiegazioni ai visitatori. I Coreani e i Giapponesi sembrano più aperti allo stile di Elisabetta, i fatti loro stessi sono molto creativi e apprezzano altri stili di porsi diversi”. Ecco una serie di immagini della mostra:
image securedownload1 securedownload2 securedownload3 securedownload4 Elisabetta Rogai Hong Kong wine-art wine made paintings enoart

Dipingere con il vino all’isola d’Elba, presto sulla “Vita in diretta”

foto (88)

Cari amici,

la performance all’isola d’Elba in seno a ElbaDrink 2013 è stata un successo: sabato pomeriggio ho realizzato un dipinto con il vino dell’isola, davanti alle telecamere della “Vita in Diretta” (che lo manderà in onda molto presto, già la settimana che inizia oggi) e un centinaio di persone. Tra queste, molti appassionati di vino ma anche personaggi legati al mondo dell’enologia: produttori, distributori, selezionatori e persino uno dei massimi esperti europei del “sabrage”, l’arte di aprire le bottiglie di champagne con un colpo di sciabola.

foto (86)

 

Ho preso accordi per ulteriori iniziative da portare avanti nel prossimo futuro, su cui naturalmente vi terrò aggiornati. Le immagini della mia EnoArte© sono state proiettate su un maxi-schermo durante la cena di gala:

foto (94)

e nel corso della serata ho avuto l’occasione di conoscere il giornalista Attilio Romita (Tg1), fresco di nomina come direttore della “Vita in Diretta”, e parlargli dell’arte di dipingere con il vino:

foto (95)

La EnoArte © arriva in Giappone, sulla rivista Keizai

Schermata 04-2456399 alle 18.41.19

Cari amici,
un articolo sulla mia EnoArte© è stato pubblicato dalla rivista Keizai, magazine a livello internazionale con distribuzione in tutte le città del Giappone più una nicchia in Hong Kong per i giapponesi che vivono lì. Non male, vero?
Buona lettura:
http://hongkong.keizai.biz/headline.php?id=20
———–

Dear friends,
an article about my EnoArt© has been published by international magazine “Keizai”, distributed in all Japan cities, plus the Japanese community living in Hong Kong. Not bad, isn’t it?
Good reading:
http://hongkong.keizai.biz/headline.php?id=20

Wine paintings: video con l’intervista per la tv svizzera

wineart, winepainting, elisabetta rogai, enoarte

Cari amici

qualche tempo fa un gruppo editoriale svizzero ha dedicato un servizio alla mia EnoArte©, dal titolo “Chiaroscuri e tonalità vinose”: la giornalista e due cameraman sono venuti fino a Firenze per intervistarmi. Ecco il video… buona visione!

http://www.cooperazione.ch/index.cfm?id=46373

EnoArte © a Milano: ecco la locandina!

Cari amici,

domenica 14 aprile sarò a Milano per mostrare l’arte di dipingere con il vino in seno alla manifestazione “Porta Venezia in Design“, nell’ambito della Settimana del Design. Quello incentrato su Porta Venezia è il circuito “fuori salone” di Milano, che unisce design e arte all’architettura Liberty oltre al nuovo percorso dedicato al food&wine di qualità. Ed è proprio qui che entra in gioco l’EnoArte ©: in accordo con la prestigiosa enoteca Hic 2.0 – una delle strutture che meglio ha saputo cogliere lo stretto rapporto tra il mondo del vino e quello dell’arte – domenica 14 aprile, nel pomeriggio, si terrà una mia performance live.
Ecco la locandina, vi aspetto!

loca Milano_jpg

 

Se invece volete scaricarla (magari per stamparla e/o distribuirla) Loca Milano_pdf