Versilia, oltre 150 ospiti per il vernissage di Elisabetta Rogai

Dal mondo della cultura a quello delle istituzioni, un folto parterre de roi all’inaugurazione della mostra di Elisabetta Rogai alla galleria “Il Forte Antichità e arte contemporanea” a Forte dei Marmi

Elisabetta Rogai by Fabrizio Gaeta

Oltre 150 persone, ieri sera, per il ritorno artistico in Versilia di Elisabetta Rogai, una mostra all’insegna della ricerca intimistica di emozioni e sensazioni. E’ stato un autentico bagno di folla – tra amici, conoscenti, giornalisti, personaggi del jet-set versiliese, del mondo culturale e istituzionale, sia fiorentino che toscano – quello che ha inaugurato la mostra “Archivi di Stato” al Forte dei Marmi. Si tratta di un titolo che gioca sulla semantica: se gli archivi sono in genere intesi come luoghi fisici per conservare libri e documenti, infatti, nel caso dei dipinti della Rogai diventano invece luoghi ideali della memoria, strumenti per riportare alla luce ricordi, convergenze e contiguità spirituali.

Elisabetta Rogai by Fabrizio Gaeta

La mostra andrà avanti fino alla fine di agosto, ma all’appuntamento con il vernissage nessuno ha voluto mancare: alla galleria d’arte “Il Forte Antichità e Arte contemporanea” di Patrizia Grigolini a partire dalle 19 sono arrivati personaggi come la soprintendente del polo museale fiorentino Cristina Acidini, il consigliere regionale Eugenio Giani, l’assessore comunale fiorentino all’urbanistica Elisabetta Meucci, la principessa Giorgia Pacelli, l’avvocato Gaetano Pecorella, i professori Cesare Sirtori e Mario Dini, il collezionista d’arte Fabio Di Michele e numerosi altri, tutti fotografati da Fabrizio Gaeta.

Elisabetta Rogai by Fabrizio Gaeta

L’esposizione, che avviene in contemporanea con quella dello scultore ceco Ivan Theimer, è stata celebrata con il vino “I Balzini Pink Label” di Antonella D’Isanto, i formaggi pecorini “Forme d’arte” di Paolo Piacenti (le cui etichette sono tratte proprio dai quadri della Rogai) e le focaccine ripiene dell’atelier bar versiliese “Viennalvce” parte del gruppo “Nome” di Giacomo Menici.

Per l’artista fiorentina – famosa nel mondo per l’EnoArte, l’intuizione di dipingere usando il vino rosso al posto dei colori – si è trattato di un ritorno in Versilia, dove negli ultimi anni ha già esposto nelle location più prestigiose, dal chiostro di Sant’Agostino a Pietrasanta fino alla Versiliana. Dopo l’appuntamento estivo, per Elisabetta Rogai si aprirà un periodo di importanti esposizioni, tra cui quella in Palazzo Medici Riccardi a Firenze (dicembre 2014) e al Chiostro del Bramante a Roma (primavera 2015).